Sonny Colbrelli a Reggio Emilia: Merida gli consegna una MTB personalizzata da... "Cobra"

Foto di Redazione
Info foto

Merida Press Office

Personaggiil campione azzurro

Sonny Colbrelli a Reggio Emilia: Merida gli consegna una MTB personalizzata da... "Cobra"

Il vincitore della Parigi-Roubaix, campione europeo e italiano in carica, è stato ospite nella sede di Merida Italia ricevendo in dono il modello Ninety Six RC.

Lo scorso 3 ottobre ha corso la sua prima Parigi-Roubaix all'età di 31 anni, e con la maglia di campione europeo (“sopra” al tricolore conquistato ad Imola), Sonny Colbrelli ha scritto una pagina storica del ciclismo moderno, tagliando da vincitore il traguardo della regina delle classiche.

Dopo il trionfo nella gara che più di ogni altra rappresenta le prove monumento, l'agenda del portacolori del team Bahrain-Victorious si è riempita di inviti come ospite d'onore e consegne di premi, e a quelli ricevuti in questi due mesi, ieri ce n'è stato uno particolarmente importante. Accogliendo il suo desiderio di possedere una mountain bike per alternare gli allenamenti su strada con quelli tra i boschi casalinghi che si affacciano sul lago di Garda, la sede italiana di Merida ha personalizzato una Ninety Six RC con una colorazione tra il nero e il verde scuro e caratterizzata da una trama di squame di serpente, che richiamano il soprannome di Colbrelli: il “Cobra”.

“Dalle mie parti il 13 dicembre Santa Lucia porta i regali ai bambini buoni, e il mio è arrivato in anticipo. Davvero un dono inaspettato: questo è un primo amore, perché ho iniziato a gareggiare proprio in questa disciplina, e ancora oggi mi piace utilizzare la mountain bike durante l'inverno - ha commentato un divertito Colbrelli - e con un gruppo di amici che conoscono i sentieri della zona abbiamo fatto persino la traversata da Salò a Riva del Garda, allenandoci duramente ma anche con un gran divertimento”.

La speciale MTB biammortizzata in carbonio è stata consegnata martedì pomeriggio, nella sede di Merida Italy di Reggio Emilia, in una cerimonia informale ma dal forte valore emozionale. “La Ninety Six RC saprà sicuramente farmi divertire perché il marchio Merida è per me sinonimo di garanzia - ha concluso il campione bresciano - Da cinque anni corro con loro passando tre evoluzioni del modello Reacto, senza mai avere il minimo dubbio sulla fedeltà del mezzo”.

Profonda soddisfazione anche dal management di Merida Italia, per una visita in azienda che ha richiamato tanta attenzione. “Siamo estremamente orgogliosi che Sonny abbia vinto una gara così difficile come la Parigi-Roubaix con una nostra bici Reacto, dimostrando da una parte la qualità della tecnologia Merida e dall'altra il valore della performance dell'atleta - ha commentato Paolo Fornaciari, amministratore delegato di Merida Italy – e questa mountain bike personalizzata rappresenta la nostra riconoscenza verso Colbrelli per quanto fatto in queste ultime stagioni”.

L'agenda di Colbrelli prevede il ritiro a Calpe, in Spagna, dal 12 al 20 dicembre con il team Bahrain-Victorious a cui seguiranno allenamenti post natalizi con Damiano Caruso e famiglie a Gran Canaria: si riprende il lavoro in vista dei primi appuntamenti agonistici del 2022, dove certamente la Roubaix rappresenterà un obiettivo centrale, preceduta da un nuovo assalto a Milano-Sanremo e Giro delle Fiandre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
16
Consensi sui social