BMW HERO Suedtirol Dolomites 2021, il campione del mondo Leonardo Paez guida un parterre de roi

Foto di Redazione
Info foto

BMW Hero Suedtirol Dolomites

MTB Racebike marathon

BMW HERO Suedtirol Dolomites 2021, il campione del mondo Leonardo Paez guida un parterre de roi

Sabato l'11esima edizione della massacrante maratona di MTB: tutti i favoriti per l'evento nel cuore della Val Gardena.

E' tutto pronto per l'undicesima edizione della BMW HERO Suedtirol Dolomites 2021, e tanti sono i nomi eccellenti tra quelli degli iscritti alla maratona di mountain bike più dura al mondo, in programma sabato 12 giugno. UN'edizione che si presenta come simbolo della ripartenza, naturalmente nel pieno rispetto di tutte le normative che la situazione attuale richiede. Sulla linea di partenza del secondo sabato di giugno, a Selva di Val Gardena, troveremo alcuni tra i più forti atleti del panorama internazionale del ciclismo off-road.

Gli uomini gareggeranno sullo storico tracciato di 86 chilometri e 4.500 metri di dislivello, percorso ben conosciuto da Leonardo Paez, colombiano del Team Giant Polimedical e campione mondiale marathon nel 2019 e 2020. Sei volte sul podio della BMW HERO Suedtirol Dolomites, è stato il primo ad aver scritto il proprio nome nell'albo d'oro dell'edizione di esordio di HERO Dubai 2020, tappa del circuito internazionale HERO Series. Accanto a lui, un altro specialista delle prove di lunga distanza, Alban Lakata, austriaco del Team Bulls, 42 anni: tre volte iridato marathon, il secondo titolo lo conquista nel 2015 proprio sulle Dolomiti della HERO nell'edizione che ha ospitato i Mondiali. Con questi importanti titoli, vanta anche quattro argenti mondiali.

Già iscritto anche lo svizzero Urs Huber, portacolori del team Team Bulls e vincitore alla Andalusia Bike Race dello scorso 17 maggio, prova di apertura della UCI Mountain Bike Marathon Series di cui proprio la BMW HERO Suedtirol Dolomites sarà la seconda tappa. Anche per lui è un ritorno, essendo salito sul podio della HERO Dolomites per tre volte (2014, 2018 e 2019) ma mai come vincitore. E tra le fila maschili, da seguire con attenzione pure i tedeschi, anch'essi del Team Bulls, Frey Martin e Simon Schneller: quest'ultimo è al momento in terza posizione nel ranking mondiale delle UCI Marathon Series 2021 con 537 punti.

Infine, tra gli iscritti anche alcuni riders outsider come Daniel Geismayr del Team Union RV Dornbirn, il colombiano Diego Alfonso Arias Cuervo del Team Giant Polimedical e compagno di squadra di Paez; tra gli italiani Tony Longo del Top Race Team ASD e Samuele Porro del Team Easy Infinity, già bronzo mondiale nella marathon 2019, che ha esordito in questa stagione con un quinto posto alla spagnola Mediterranean Epic.

Grandi nomi anche tra le atlete che si contenderanno il titolo HERO 2021 a livello femminile, sul percorso di 60 chilometri con 3.200 metri di dislivello. Anche qui si conferma la lunga tradizione della Svizzera nel mondo off-road con Ariane Luehti del Team Salusmed, che si fregia della medaglia di bronzo conquistata ai mondiali marathon del 2020 e attuale leader del ranking mondiale della UCI MTB Marathon Series. Molta attenzione dovrà però prestare alla slovena Blaza Pintaric che, terza alla BMW HERO Suedtirol Dolomites 2018 e con un posto ai piedi del podio l'anno successivo, punta a conquistare la prima posizione.

Come Paez, la Pintaric ha vinto la prima edizione di HERO Dubai 2020. Molto determinata anche la lituana, ma ormai naturalizzata italiana, Katazina Sosna del Torpado Suedtirol International MT Team, attualmente al terzo posto nel ranking UCI MTB Marathon Series di cui punta a essere vincitrice. Grande assente Ramona Forchini, detentrice del titolo mondiale in carica, che non potrà schierarsi al via della HERO Dolomites, in quanto impegnata nella gara UCI XCO World Cup in terra austriaca, ma che ha già confermato la propria presenza al prossimo 29 ottobre 2021 con la HERO Dubai 2021.

Grandi nomi, insomma, che portano la BMW HERO Suedtirol Dolomites 2021 a un livello internazionale. Grande visibilità, data anche dalla trasmissione in diretta della HERO prevista a livello mondiale in 53 Paesi e in 5 Continenti, oltre che sui siti Internet di ciclismo più importanti al mondo, quali Global Cycling Network e Pinkbike.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
3
Consensi sui social