Lutsenko beffa la UAE a Prati di Tivo: Ulissi 2° e Yates 3° nella tappa regina del Giro d'Abruzzo

Lutsenko beffa la UAE a Prati di Tivo: Ulissi 2° e Yates 3° nella tappa regina del Giro d'Abruzzo
Info foto

Spazio Ciclismo

Stradacalendario internazionale

Lutsenko beffa la UAE a Prati di Tivo: Ulissi 2° e Yates 3° nella tappa regina del Giro d'Abruzzo

I leader del team emiratino le provano tutte, ma il kazako dell'Astana risponde ad ogni attacco e il sacrificio di Ulissi per il britannico risulterà inutile. Venerdì la tappa finale verso L'Aquila.

Una UAE Emirates dominante ma... la vittoria e la maglia di leader per Alexey Lutsenko.

Questo il verdetto della tappa regina, la terza delle quattro in programma al Giro d'Abruzzo, con il capitano dell'Astana che trionfa in vetta a Prati di Tivo, con una grande prestazione considerato che il kazako non è uno scalatore puro, ma riesce a “risolvere” la tenaglia dei rivali su un'erta di quasi 15 km al 7% di pendenza media.

A 7 km dall'arrivo, la compagine emiratina ha perso colui che ieri aveva conquistato il primo posto in classifica, il giovanissimo Jan Christen staccatosi sul forcing di Diego Ulissi, poi ci hanno provato a turno Pavel Sivakov e Adam Yates, con Lutsenko che ha sempre risposto e poi ha sfruttato il lavoro dello stesso Ulissi, tornato sotto ai -1500 metri con una grande azione, per battere lo stesso livornese e Yates, rispettivamente 2° e 3°, nello sprint degli ultimi 200 mt.

Il problema per la UAE è che l'uomo più in condizione quest'oggi era proprio Ulissi, che ieri però aveva perso tanti secondi importanti in chiave generale, dovendosi quindi sacrificare per i compagni: con la sola tappa de L'Aquila, ricca di strappi ma non durissima, all'orizzonte, ecco che Lutsenko è in maglia blu con 14 secondi di vantaggio rispetto a Yates, ne pagano invece 37 George Bennett e lo svizzero Voisard (Tudor), con Ulissi 5° a 38”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
12
Consensi sui social

Più letti in Road bike

I muri marchigiani per la tappa n° 12 del Giro d'Italia: a Fano giornata per attaccanti, occhio al Monte Giove

I muri marchigiani per la tappa n° 12 del Giro d'Italia: a Fano giornata per attaccanti, occhio al Monte Giove

Alle 12.35 la partenza di una frazione che, negli ultimi 115 km dal primo muro a Recanati, propone ben poca pianura e tante insidie. Alaphilippe il primo indiziato per cercare il successo, occhio anche ai big e a qualche velocista resistente, nonostante lo strappo finale (con punte vicine al 20% a poco più di 10 km dall'arrivo). Pogacar in rosa, Tiberi già focalizzato sulla cronometro di sabato per avvicinare il podio.