Valli del Natisone - Bluenergy eBike Route

Valli del Natisone - Bluenergy eBike Route
Friuli Venezia GiuliaFriuli Venezia Giulia

Valli del Natisone - Bluenergy eBike Route

Dedicata alle bici elettriche, la Bluenergy e-bike Route è il primo percorso ciclabile interamente pensato per le biciclette a pedalata assistita. Questo anello di complessivi 210 km con un dislivello positivo di circa 4200m si snoda attraverso le strade del Cividalese, delle Valli del Natisone e del Torre, un percorso intrigante che lambisce alcune delle zone più suggestive del Friuli Venezia-Giulia e che arriva a Caporetto passando per due volte in territorio sloveno. Un itinerario decisamente particolare in quanto lungo l'intero tragitto sono presenti ben 21 punti di ricarica dedicati alle e-bike.

Il percorso della Bluenergy e-bike Route ha come base naturale di partenza la meravigliosa cittadina longobarda di Cividale del Friuli (135m) riconosciuta nel 2011 come patrimonio mondiale dell'UNESCO. Da questa splendida località gli appassionati di bicicletta possono decidere di percorrere l'anello dedicato alle e-bike in entrambi i sensi di marcia considerando che l'intero percorso puï essere completato in due o più tappe in base al tipo di allenamento.

Seguendo il senso anti-orario, una volta lasciata Cividale del Friuli si prosegue per alcune strade secondarie raggiungendo Prepotto, patria del vino Schioppettino, per poi scalare la salita che conduce fino ai 618m dove è posto il Santuario di Castelmonte che sorge a ridosso delle Alpi Giulie. Una volta scollinati si ridiscende per il versante di San Leonardo, lungo una strada ricca di tornanti dove si sono scritte pagine importanti nella storia del Rally delle Alpi Orientali. Da qua si imbocca la strada per la remota località di Cravero e si giunge a Tribil superiore per poi dirigersi verso il Passo Solarie.

Il percorso prosegue in costante salita verso il monte Kolovrat (1243m) dove si possono scorgere i numerosi resti di trincee che costituivano la terza linea di difesa italiana durante la prima guerra mondiale. Dal Kolovrat si scende verso Livek e da qui si passa per Cepletischis, dove inizia una lunga salita che porta ai fino al Rifugio Pelizzo (1320m) sormontato dallo splendido Matajur. Da qui si puï scorgere un panorama pazzesco che nelle giornate più terse consente di ammirare l'intera pianura friulana fino a scorgere il mare.
Dal Matajur, la Bluenergy e-bike Route ridiscende verso San Pietro al Natisone e da qui segue la pista ciclabile che collega Pulfero a Kobarid (Caporetto)(235m) in Slovenia.

La parte finale dell'itinerario prevede poi ulteriori salite. Da Caporetto si passa per Breginj (576m) e si rientra in Italia in località Prossenicco (552m) superando il celebre ponte dedicato a Vittorio Emanuele II che conduce al valico di seconda categoria. Da Prossenicco si prosegue per i piccoli centri abitati di Platischis, Montemaggiore, Taipana, Cornappo, Nimis, Attimis, Faedis e Moimacco per tornare nuovamente a Cividale del Friuli, luogo di partenza della Bluenergy e-bike Route.

#VALLINATISONE #NATISONE #EBIKEROUTE #
© RIPRODUZIONE RISERVATA
43
Consensi sui social

43

Consensi sui social
Friuli Venezia Giulia: Tutte le notizie
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime news di Valli del Natisone - Bluenergy eBike Route

Friuli Venezia Giulia

Grande successo a Cividale per la Bike Vintage Alpe Adria!

Alessandro Genuzio, Lunedì 12 Luglio 2021
Friuli Venezia Giulia

Cividale si prepara ad una domenica a tutto vintage!

Alessandro Genuzio, Mercoledì 7 Luglio 2021
Friuli Venezia Giulia

La Bike Vintage Alpe Adria pronta ad infiammare le strade di Cividale!

Alessandro Genuzio, Martedì 22 Giugno 2021

Ultimi in Regioni

Tra Trekking e Mountain Bike, ViaLattea apre gli impianti anche d'Estate

Tra Trekking e Mountain Bike, ViaLattea apre gli impianti anche d'Estate

Dopo il successo della scorsa estate è stato riconfermato il progetto Vialattea di apertura impianti di risalita, nato in collaborazione con i Comuni di Sestriere e Sauze d’Oulx, i relativi Consorzi Turistici e Turismo Torino e Provincia con l’obiettivo di arricchire l’offerta turistica ed andare incontro, sempre di più, alle esigenze degli amanti della montagna in versione estiva.