Bernal e Ganna ci provano, Gaviria firma la prima in Movistar: battuto Sagan a San Juan

Foto di Redazione
Stradacalendario internazionale

Bernal e Ganna ci provano, Gaviria firma la prima in Movistar: battuto Sagan a San Juan

Quarta tappa a Barreal con un'altra volata e il colombiano che si sblocca, ma il bi campione del mondo a crono è terzo dopo aver tentato una bellissima stoccata nei 500 mt conclusivi. Oggi giornata di riposo in Argentina, venerdì l'arrivo in salita decisivo.

La Ineos ci prova, Gaviria colpisce.

In estrema sintesi il verdetto della giornata numero 4 di corsa alla Vuelta a San Juan, con l'ennesimo sprint di gruppo risolto, sul traguardo di Barreal, da uno splendido Fernando Gaviria.

Si era già capito nella seconda tappa, persa per un soffio a favore di Fabio Jakobsen, che la condizione del nuovo velocista del Team Movistar era molto buona, ma è stato davvero impressionante il finale di ieri da parte del colombiano, al primo sigillo con la nuova maglia.

Staccati i grandi rivali per lo sprint in salita, ovvero Jakobsen e l'ex leader della classifica generale, Sam Bennett (ora al comando c'è proprio Gaviria), sembrava tutto semplice per una volata di una cinquantina di corridori, ma la Ineos Grenadiers, dopo averci provato anche con un tentativo da lontano di Egan Bernal, la pensava diversamente e Filippo Ganna, a poco più di 500 mt dalla conclusione, ha provato ad anticipare le poche ruote veloci presenti.

Bravissimo Gaviria a cogliere l'attimo e saltare sulla ruota del pluricampione del mondo a crono e su pista, per saltarlo praticamente solo a 100 mt dalla linea, con Peter Sagan costretto al secondo posto e lo stesso Ganna terzo.

Nona vittoria sulle strade di San Juan per Fernando Gaviria, che si presenterà alla quinta tappa, l'unica con arrivo in salita all'Alto del Colorado, con la maglia gialla di leader nella giornata di venerdì. Oggi, infatti, in Argentina sarà tempo di riposo per i corridori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
61
Consensi sui social

Più letti in Road bike

I muri marchigiani per la tappa n° 12 del Giro d'Italia: a Fano giornata per attaccanti, occhio al Monte Giove

I muri marchigiani per la tappa n° 12 del Giro d'Italia: a Fano giornata per attaccanti, occhio al Monte Giove

Alle 12.35 la partenza di una frazione che, negli ultimi 115 km dal primo muro a Recanati, propone ben poca pianura e tante insidie. Alaphilippe il primo indiziato per cercare il successo, occhio anche ai big e a qualche velocista resistente, nonostante lo strappo finale (con punte vicine al 20% a poco più di 10 km dall'arrivo). Pogacar in rosa, Tiberi già focalizzato sulla cronometro di sabato per avvicinare il podio.