A Lecce i tricolori premiano Arzuffi, che interrompe l'era Lechner, e Bertolini. Aru decimo

Foto di Redazione
Info foto

ACCPI twitter

Cyclo Crosscampionati italiani

A Lecce i tricolori premiano Arzuffi, che interrompe l'era Lechner, e Bertolini. Aru decimo

I campionati italiani di ciclocross vedono la lombarda togliere, dopo anni consecutivi, il titolo all'altoatesina che è terza dietro anche a Chiara Teocchi. Tra gli uomini esulta il valtellinese su Dorigoni e Cominelli; discreto piazzamento per il sardo, che dal 19 gennaio tornerà alla strada non partecipando quindi ai Mondiali di Ostenda.

Una rassegna tricolore di ottimo livello, con due campioni italiani a livello assoluto che meritano.

Alice Maria Arzuffi ha trionfato nella prova femminile andata in scena quest'oggi a Lecce, teatro della tre giorni dedicata ai campionati italiani di ciclocross, dominando una gara che segna l'interruzione dell'egemonia di Eva Lechner, vincitrice del titolo nazionale dal 2012 per nove volte consecutive (11 totali in carriera).

L'altoatesina ha concluso al terzo posto, a 25” dalla Arzuffi e piegata in volata da una bravissima Chiara Teocchi.

Per la gara maschile c'era grande attesa, ovviamente, per la presenza di Fabio Aru: il sardo ha concluso in decima piazza e, proprio a poche ore dalla gara odierna che ha concluso la sua avventura (almeno per ora) tra il fango, la stessa Qhubeka Assos che l'ha ingaggiato per il 2021 su strada, ha annunciato la sua presenza al primo training camp della squadra al via il 19 gennaio, senza la possibilità di partecipare ad altri eventi. Ergo, nessuna possibilità di vedere Fabio ai campionati del mondo di fine mese a Ostenda.

Il nuovo campione italiano risponde al nome di Gioele Bertolini, capace di rinascere dopo il grave infortunio patito mesi fa e di togliere la maglia tricolore dalle spalle di Jakob Dorigoni, che vinse lo scorso anno a Schio e oggi si è dovuto accontentare del secondo posto, a soli 4 secondi dal valtellinese. Terzo gradino del podio per Cristian Cominelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Consensi sui social