Van Aert, la rinuncia al Giro d'Italia è già ufficiale: al suo posto ci sarà il campione europeo Laporte

Foto di Redazione
Info foto

LaPresse

Stradagiro d'italia 2024

Van Aert, la rinuncia al Giro d'Italia è già ufficiale: al suo posto ci sarà il campione europeo Laporte

A due settimane dall'incidente alla Dwars door Vlaanderen, l'asso della Visma Lease a Bike costretto a dire "no" al suo debutto alla corsa rosa: "Sto meglio, ma non sono in grado di allenarmi normalmente". Il francese sarà ultimo uomo di Kooij e avrà il suo spazio nelle tappe miste, ma per il Giro al via da Torino il 4 maggio è una perdita importantissima quella di WVA, che potrebbe disputare il Tour (in chiave olimpica) specialmente se Vingegaard, ancora ricoverato in ospedale a Vitoria, non dovesse farcela.

A 23 giorni dal via, la rinuncia più dolorosa ma, purtroppo, attesa vista la gravità dei danni riportati in quella caduta di due settimane fa nella classica di Waregem.

Wout Van Aert non parteciperà al suo primo Giro d'Italia, ora è ufficiale: tramite i canali social del suo team, la Visma Lease a Bike, l'ha comunicato lo stesso 29enne di Herentals, ancora nella prima fase del recupero post frattura alla clavicola e a sette costole, in quell'incidente alla Dwars che già l'ha costretto a saltare le due classiche che attendeva da mesi e poi sono state vinte dal suo grande rivale Mathieu Van der Poel, ovvero Fiandre e Roubaix.

La corsa rosa perde uno dei due uomini più in vista, assieme a Tadej Pogacar, anche se si aggiungerà alla lista di big presenti un bel nome come Christophe Laporte: il campione d'Europa è stato dichiarato tra gli otto nel team dei “calabroni”, che già avevano dovuto sostituire l'infortunato Wilco Kelderman (frattura alla clavicola rimediata alla Parigi-Nizza, non recupererà in tempo) con l'altro olandese Koen Bouwman.

Il faro per la classifica in casa Visma sarà il giovanissimo Cian Uijtdebroeks, ma l'obiettivo saranno soprattutto gli sprint di Olav Kooij, che avrà proprio in Laporte un gran ultimo uomo, con il transalpino (anch'egli sfortunato in questa primavera, dal ritiro alla Sanremo al rientro con tanti problemi alla Roubaix) che avrà il suo spazio nelle tappe più mosse, come la prima di Torino.

“Sono davvero felice di informarvi che sto bene, mi sto riprendendo da tutti i problemi fisici dopo la caduta, ma le mie costole sono un fattore limitante e non posso ancora allenarmi – le parole di WVA per annunciare il forfait - Sto provando a fare le prime pedalate, ma non è abbastanza da potermi allenare sul serio, per questo motivo abbiamo preso la decisione di non essere al via del Giro d'Italia. È un vero peccato, sono molto deluso di saltare anche il mio secondo grande obiettivo della stagione, ma in questo momento devo dare priorità alla mia salute e al corpo il tempo di riprendersi”.

Con vista sulle Olimpiadi e l'incognita se Wout le preparerà passando dal Tour de France, dove la Visma rischia di non avere neppure il suo totem e vincitore delle ultime due maglie gialle, Jonas Vingegaard, ancora ricoverato all'ospedale di Vitoria dopo il bruttissimo incidente ai Paesi Baschi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
12
Consensi sui social

Più letti in Road bike

Cronometro del Garda, giorno chiave al Giro con Tiberi all'attacco del podio. E Ganna vuole sbloccarsi

Cronometro del Garda, giorno chiave al Giro con Tiberi all'attacco del podio. E Ganna vuole sbloccarsi

Quattordicesima tappa della corsa rosa, 31,2 km contro il tempo da Castiglione delle Stiviere a Desenzano: il campione d'Italia è il favorito su un percorso completamente pianeggiante, ma Pogacar (ultimo al via alle ore 16.43) è capace di tutto e occhio a Sheffield. La maglia bianca, 5° in classifica, può guadagnare su O'Connor e Martinez. Intanto, da casa Visma arrivano buone notizie per Wout Van Aert: ufficiale il rientro in gara al Giro di Norvegia (23-26 maggio).